Home > Blog > Il Romano e i Mezzi di Trasporto
il romano e i mezzi di trasporto

Il Romano e i Mezzi di Trasporto

È l’alba de un nuovo giorno naa capitale.

Da lontano se sentono i camion della monezza lavorà, i primi cinguettii dell’ucelletti e qualche strillo malefico de qualche infame de un gabbiano.

A città de prima matina è maggica, quanto sei bella Roma avvolta ancora dalla notte che lenta te scivola via come er piumone da dosso a forza de movete nel letto..lasciandoti al freddo, confuso e nel silenzio della voglia che non chai de arzatte, perché, come quelle maledette sirene che non smettono mai de passà sotto casa, proprio ora, te sta a sonà a sveglia e n’antro giorno inizia. Aridaje.

C’è poco da fa, se sei de Roma a sveglia sona forte e chiaro alle prime luci der matino, bisogna da lavorà qua, che stamo a fa? Che te sei messo in testa….seeee.. ma te sei un visionario, voi rimanè altri 10 minuti ner letto e quanno te movi!?

Perché se voi esse puntuale o armeno arrivà non dico in tempo, ma almeno arivà! Te devi da move, te devi organizzà, te devi da da fà!

E allora giù cor piano fin daa sera prima, a capì che:

il romano e la macchina

1 – Il Romano e a “machina”

Se te movi co a machina: te devi move insieme a quelli che portano i cornetti nei bar, perché, essì che a matina, anzi, all’alba, le strade so mezze vote (si so mezze vote, nun è na leggenda), e allora quasi spavaldo pii e te sbrighi, chai la scure dell’ansia poggiata sul collo, te-devi-move..colazione? ma che è!? Te lavi e te vesti con l’orologio che ticchetta, pure di “ciao” a tu fio/tu moglie/la tu ragazza/er coinquilino, potrebbe rovina sto piano geniale, “nun saluto nessuno, so no spirito libbero..il mio cammino è guidato dal destino” si si..tu chiamalo come te pare. Sali in macchina, accendi, parti, giri l’angolo..eddaje che nun c’è nessuno, prima-seconda-terza-quarta!! se arrivi alla quinta (marcia) “oggi è a svorta!” eddaje..ma poi pii pe er raccordo, senti er il respiro freddo della tua amica ansia dietro l’orecchio, le mani te sudano, chai mezzo core che te sta a partì, arzi a radio a palla perché “oggi so positivodajecheoggiarivoprimadetuttidajedajedajeeeeeennnooooooooo”…come ogni maledetta matina, c’è sempre qualcuno che sé arzato prima de te e che ha deciso de crea la filadelimejomort****tua!

il romano e i mezzi pubblici

2 – Il Romano e i mezzi pubblici

Devi capì che se te voi move co i mezzi pubblici: poi pure avverti che “se vedemo domani!..Nun dimenticateme”!

Essì, che sia tram/metro/treno/bus, quello che ve pare, ma ogni giorno a Roma è na Roulet Russa, na partita a dadi, chiamatela come ve pare, ma sempre amarezza resta.

Ma se sà che semo i più furbi, chavemo le app che te dicono do sta quel mezzo e quanto tempo ce sta a mette pe arrivà alla fermata.

Allora te organizzi per bene, te illudi che “mo faccio colazione, me preparo e scendo preciso preciso co l’arrivo del bus..e chi m’ammazza!?”…e chai raggione!e chi t’ammazza? A vecchiaia! Perché arivi preciso preciso alla fermata, ma der bus/treno/tram/metro nessuno sa nulla..so come i vascelli fantasma dell’epoca dei pirati: appaiono quando meno te lo aspetti.

E allora, mentre t’appelli a tutti i santi che te vengono in mente, intanto, sulla banchina pare che hanno fatto sbarca un container de persone, te ritrovi incastrato tra culi e ascelle, co quello che te sbadiglia in faccia e quello che puzza de monezza lasciata ar sole er 5 de agosto, e mentre tenti de porta la tua mente su un’isola felice, l’orologio te ricorda che sei n’antra vorta in ritardo e stai ancora sull’isola pedonale.

romano e la rent car

3 – Il romano e la rent car

O magari te senti furbo, e te appelli alla rent car: “a machina a lascio sotto casa che ieri ho trovato er parcheggio daa vita” e te metti a smucinà pe strada, col sole che sorge, alla ricerca de na machina da affittà che sta parcheggiata a du chilometri da do stai, ma però, “poi quella la posso mollà do me pare eh”  essi avoja, come se dice? Le ultime parole famose.

Allora pii e te mbarchi a fette fino al mezzo prescelto, sali, te sbrighi, ogni minuto so sordi!(nel senso de denaro no de sordità)..accenni e parti all’avventura verso la tua meta. Ma ce so i semafori, ce sta la gente che non je passa manco pè l’anticamera der cervello de levasse, e te pensi solo “so sordiiii” manco ce pensi più al traffico do stai imbottigliato, pensi solo che se ce rimani n’antro pò dentro a quella vettura facevi prima a compratte n’antra machina! L’unica felicità è che “poi quella la posso mollà do me pare eh” essi avoja, prova a mollalla in mezzo ar traffico, vedemo che succede!

romano e il taxi

4 – Il romano e il taxi

O forse te sei un visionario, “pio er taxi e dormo mentre quello me scarrozza: a parte che se dici così, vordì che te la passi bene…

E allora puntuale te affidi ar tassinaro che te vie a prenne sotto casa, sali te metti comodo, quer taxxi diventa n’secondo letto, je dici do devi arriva, er tassinaro fa partì er tassametro e se piazza nel traffico. Tu cerchi de capì come andrà a finì, ma te scontri coll’occhio der tassinaro avvelenato da sta vita amara, che manco te rassicura, nun se spiccica na chiacchiera, tu volevi dormì e lui tra a radio e le madonne non te da pace, e intanto i minuti come i soldi che je dovrai da scorrono, ma fermo e sicuro come che te ne pentirai, i metri che percorri so pari alla distanza dal tuo letto al cesso di casa. “E per fortuna che me so mosso prima” fai ridendo al tassinaro che, guardandoti come i gabbiani guardano un piccione, accenna un sorrisetto e un movimento della capoccia che te manda in una paranoia manco avessi lasciato la porta de casa aperta. Quer taxi da surrogato de felicità sé trasformato nella barca de Caronte e te come n’anima in pena guardi fori dar finestrino sperando nell’apetura del traffico manco fossi Mosè.

romano e la svorta

Bonus – Il romano e la “svorta”

E poi ce sto io che me faccio da “no strappo me sveglio tranquillo e rilassato, me preparo con calma, na bella doccia, a barba, du bacetti co la fidanzata e scenno al bar sotto casa pè fa colazione. “Er solito, grazie” e mentre attendo er cappuccio col cornetto alla crema, pio er cellulare, co più sicurezza de Clint Eastwood quando estrae la pistola su uno de quei firm western, e mentre inzuppo er cornetto nel cappuccio me geolocalizzo e seleziono la mia destinazione, a metà cornetto ho già accettato il passaggio dal primo scuterista che me sé proposto, “tempo 10min e sono da te”..ao ma chi m’ammazza, pago er cornetto il cappuccio e me avvio fori dar bar, me fermo a prende il giornale e manco er tempo de pagallo che è arrivato a piamme, e penso “da paura”.

Intorno a noi, mentre stiamo sorpassando file e file de machine è sodoma e gomorra, clacson, folle de persone compresse sui marciappiedi, quelli che se buttano pè strada pe arrivà a vede se all’orizzonte se vede l’autobus suo, quello co a faccia che pare che gli hanno levato l’anima che me guarda dal finestrino del taxi. Io, sto a chiacchierà co sto ragazzo che mè venuto a prende, tranquilli paciosi, sorpassamo tutti e tutto, non cho ansia, so quanto me costerà sto gioco e so pure che quanno arrivo, avrò anche quel poco in anticipo che me permetterà de fa na seconda colazione. “Se vedemo regà..voi chiamate tutti i santi che io chiamo Scooterino”.

Scarica subito l’app Scooterino da qui, e utilizza il codice “aforismiromani” per ricevere 3€ di credito sul primo passaggio! 😉

PS. Noi da quando lo abbiamo scoperto non possiamo farne a meno, è ‘na sarvata!

Disponibile sia sull’App Store che su Google Play.

badge di app store badge di google play

Ecco come funziona: